venerdì, luglio 08, 2011

Amore della mamma...


Say cheese!
Originally uploaded by Corrado Matteoni.
... e dolcissimo vampiro di tutto il mio tempo libero!

lunedì, ottobre 19, 2009

Te ne sei andato. E io, adesso, che strega sono senza il mio gatto?


Un giorno, sarò vecchia. Mi siederò sul divano, sull’angolo e mi coprirò le gambe con una coperta, sarà inverno. Ti vedrò arrivare, trotterellando a passo svelto, la coda a bandiera dei momenti felici e mi salterai sulle ginocchia, leggero e delicato come fai tu. Prima di accoccolarti, mi strofinerai il muso sulla mano facendo le fusa e ti prenderai una carezza sulla testa, mi guarderai con quei tuoi dolci occhioni gialli un po' socchiusi e sarà allora che capirò che sei venuto a prendermi. Non importa quanti gatti abbia avuto o avrò in futuro. Il mio gatto sei tu. Ti voglio bene Alì. Ciao…

venerdì, ottobre 16, 2009

Ho la prova!

Che i desideri, quando sono autentici si avverano!
Mi hanno parlato del nuovo romanzo di Coelho e visto che stranamente non ne sapevo nulla
sono andata a curiosare sul suo sito... e li ho scoperto che Coelho sarebbe stato presto in Italia, a Roma, per promuovere il suo romanzo e presentare il lungometraggio "Paulo Coelho' Experimental Witch". Interessante. La Bompiani, sua casa editrice, offriva l'opportunità di incontrare Coelho di persona al fortunato vincitore di un piccolo concorso. Scrivendo un testo, seguendo la traccia di una domanda su tre proposte, riguardanti l'ultimo romanzo, si poteva partecipare. Ho partecipato e ho vinto e martedì lo incontrerò.


giovedì, luglio 02, 2009

Pisolino in giardino al mare


Siamo al mare con un'amica e il suo bimbo. Nel pomeriggio la Caterina fa sempre il suo pisolino al "fresco"...

giovedì, giugno 18, 2009

Piccola vacanza


Sono al mare con la piccola, un paio di giorni per staccare, fare l'esperimento. Un bell'alberghetto vicino alla spiaggia, con una grande terrazza molto ventilata. Mezza pensione... e l'ombrellone a 100 metri. Però di mare non se ne può fare più di tre ore al massimo al giorno, che la pelle dei bebè è davvero delicata e quella di Caterina in particolar modo. E' piena di bolle, le ha fatto reazione la crema solare... di quelle apposta per bebè...

martedì, marzo 10, 2009

martedì, febbraio 10, 2009

Acca E Elle Gi A!



Niente, nemmeno a fare lo spelling... vedi la gente con lo sguardo perso nel vuoto e poi parte con la E Elle Gi Acca A... il più delle volte, se non si tratta di cose ufficiali lascio perdere... mi hanno messo l'acca dappertutto, hanno trasformato il mio nome in mille modi diversi, spesso creativamente interessanti. Una volta mi hanno scritto Helfa! Ma Elka mai, mi mancava proprio! Forse mi hanno preso per una parente di Lapo. Sono la prima ad aver chiesto il permesso per parcheggiare nelle strisce rosa. Volevo scrivere al sindaco per lamentarmi del fatto che un Comune così all'avanguardia come Quarrata e con un sindaco donna, non avesse ancora pensato alle strisce rosa... che altro non sono che parcheggi preferenziali per le gestanti e donne con un bimbo fino a un anno di età. Invece il decreto comunale era già stato fatto, mancavano solo le richieste. Ci hanno messo un mesetto a darmelo, ma nel frattempo si son dati da fare! Hanno messo i cartelli e fatto le strisce rosa... ne ho visti dietro al Comune, all'ASL e davanti alla Posta. Lunedì scorso mi hanno consegnato il permesso al comando dei Vigili di Quarrata. Il problema è che... fatte le strisce, rubati i parcheggi. Al momento sono l'unica ad avere quel permesso, in teoria quei parcheggi dovrebbero essere tutti a disposizione esclusiva mia... ma ad oggi non li ho mai trovati liberi! Ma quanto piace agli italiani infrangere le regole!? Il fatto è che ancora i vigili non possono multare chi parcheggia "a ufo" nelle strisce rosa. Io, pur sapendolo, ho voluto fare il permesso, perchè mi piace essere corretta e perchè ne ho il diritto legittimo. E invece alla gente piace fare sempre la furba... se poi la smascheri fanno i finti tonti... italiani, brava gente?

giovedì, novembre 13, 2008

Novembre

Gemmea l'aria, il sole così chiaro
che tu ricerchi gli albicocchi in fiore,
e del prunalbo l'odorino amaro
senti nel cuore...

Ma secco è il pruno, e le stecchite piante
di nere trame segnano il sereno,
e vuoto il cielo, e cavo al piè sonante
sembra il terreno.

Silenzio, intorno: solo, alle ventate,
odi lontano, da giardini ed orti,
di foglie un cader fragile. E' l'estate
fredda, dei morti.